Visione

LA VISIONE DELLA ONENESS

Questo posto esiste per rendere libera l'Umanità, in modo totale e incondizionato
Sri AmmaBhagavan

RENDERE LIBERA L'UMANITÀ, IN MODO TOTALE E INCONDIZIONATO

Questo è l'obiettivo dei fondatori della Oneness, Sri AmmaBhagavan. Per loro, la libertà non è un viaggio con un'unica fermata, ma un viaggio senza fine, che si svolge nella coscienza. Questo viaggio all'interno della coscienza, è comunque contrassegnato da certe pietre miliari evolutive.


Questa visione scorre, come un flusso neuronale, in ogni attività della Oneness. L'origine di questa passione risale al periodo in cui Sri Bhagavan aveva 3 anni. Nella sua esperienza, l'intero Universo era una sua estensione. La sua consapevolezza era sempre stata questa. Quando Sri Bhagavan aveva cominciato a fare esperienza delle persone, si era reso conto del fatto che la gente non sperimentava il mondo come lo sperimentava Lui. Capì che loro si sentivano separati dal resto del mondo. Scoprì poi che questa sensazione di esistenza separata, era la base su cui si reggeva tutta la sofferenza umana. Sri Bhagavan sentì che la coscienza umana era capace di esperienze della realtà molto più vaste e ricche, di quanto stesse sperimentando. Riportare l'uomo alla magnificenza e allo splendore del suo stato d'essere naturale, diventò la passione di Sri Bhagavan.

Così nacque la visione...
La natura dell'Esistenza è beatitudine. Essa è definita da qualità propizie, quali: amore, compassione, connessione, silenzio.
La coscienza dell'uomo è infarcita da concetti, idee, condizionamenti e costrutti mentali. Sri AmmaBhagavan dicono: "Quando la coscienza è ripulita da tutte le sue contaminazioni, ciò che rimane è la vita, la pura coscienza, Dio". Per cui Sri AmmaBhagavan definiscono il Risveglio o la Oneness come " liberazione della vita stessa".
Questa "libertà incondizionata e totale" di cui parlano, è ben definita nei seguenti versi di Risveglio.

Liberation Sutra

Moksho nama jeevasya vimukthihi, yethasmaath
Indriyaanaam vimukthihi, yethasmaath
Ahankaaraat vimukthihi, yethasmaath
Manaso vimukthihi, yethasmaath
Gnayatasya bandhaat vimukthihi, yethasmaath
Samskruter bandhaat vimukthihi, yethasmaath
Samajasya bandhaat vimukthihi, yethasmaath
Karmano bandhaat vimukthihi,
Ithi satyam satyameva satyam
Ithi satyam satyameva satyam
Ithi satyam satyameva satyam
(alscolta il Sutra della Liberazione)

 

(traduzione del Sutra della Liberazione)

L'Illuminazione

è
Liberazione della vita
è
Liberazione dei sensi
è
Liberazione dall' Ego
è
Liberazione dalla mente
è
Liberazione dalla conoscenza
è
Liberazione dai condizionamenti
è
Liberazione dalla società
è
Liberazione dal lavoro

Questa è verità

Liberazione dei sensi
Il Risveglio, ad un livello molto fondamentale, è "vivere la vita". Le Scritture definiscono il Risvegliato come "colui che è capace di tenere sotto controllo i sensi". Secondo Sri AmmaBhagavan, il Risveglio è, d'altra parte, "liberazione dei sensi" o "sottrarre i sensi dalle grinfie della mente". La mente, con i suoi giudizi e commenti, interferisce con ogni percezione sensoriale, rendendola stantia e senza vita. Senza questa interferenza della mente, il sistema nervoso umano è capace di generare beatitudine da ogni esperienza sensoriale, sia essa il vedere, il sentire, l'annusare, l'assaggiare, il toccare, indipendentemente da quale sia l'oggetto dell'esperienza. Quindi colui, i cui sensi sono liberati, trascende la vita della mente e sperimenta la vita dei sensi.

Liberazione dall' Ego
L'Ego è il senso di esistenza separata. Ogniqualvolta c'è il "me" e "l'altro", il risultato è "paura": paura di quello che l'altro mi potrebbe fare. Da questa paura nascono: la lotta per la sopravvivenza, il paragonarsi, la gelosia, l'odio e tutto il resto. Sri AmmaBhagavan dicono: "l'Ego è solo un concetto". Un concetto, per definizione, è qualcosa che, in realtà, non esiste. E' un'illusione.

Liberazione dalla mente
Ciò che comunemente si intende per "libertà dalla mente" è, sia cessazione della mente (quando si entra in uno stato di assenza di pensieri), sia trasformazione della mente (quando la mente sperimenta maggior libertà e pace, al suo interno). La Liberazione, di cui parlano AmmaBhagavan, è diversa da entrambe. E' la cessazione dello sforzo di fermare o cambiare la mente. Allora sei libero "con la mente". Allora la mente, con i suoi contenuti, esiste indipendente, solo per aiutarti nelle cose pratiche della vita, ma non interferisce più nell'esperienza della vita stessa.

Liberazione dalla conoscenza
Quando Sri AmmaBhagavan parlano di liberazione dalla conoscenza, intendono liberazione dalla schiavitù, prodotta dalla conoscenza, e non dalla conoscenza stessa. Quando la conoscenza non si traduce in esperienza, diventa un ostacolo a quella stessa esperienza che si voleva ottenere. Questa conoscenza, che diventa un ostacolo all'esperienza della vita, è un fardello e una schiavitù. Quindi deve sparire.

Liberazione dai condizionamenti
L'uomo, nei millenni, ha sviluppato i concetti di comunismo, capitalismo, uguaglianza, nazionalità, religione, ecc… Questi concetti o idee hanno ormai vita propria. Sfruttano la vostra vita per sopravvivere. Entrano in voi come dei vermi-pensiero e colorano ogni esperienza della vostra vita. "Libertà dai condizionamenti" non significa essere privi da ogni idea o concetto, ma significa essere liberi di sceglierli a seconda delle situazioni.

Liberazione dalla società
Ultimamente l'uomo è intrappolato dal concetto stesso di "libertà". Egli pensa che la libertà si ottenga andando contro il sistema presente e le norme della società. La libertà essenzialmente è uno stato interiore di esistenza, dove tu ti muovi, non più spinto dalla paura. Quindi non c'è più senso di oppressione nè resistenza verso qualsiasi struttura, legge o valore, che la società impone. La libertà non è la ribellione verso qualcosa: è uno stato di coscienza che non ha contrasti.

Liberazione dal lavoro
Sri AmmaBhagavan distinguono tra attività ed azione. "Attività" è una fuga dal dolore dell'esistenza o dal vuoto interiore. Viene portata avanti con uno scopo preciso. Lavorate, guidate, cucinate, pulite, pregate, perchè avete dei bisogni psicologici sottostanti, che volete soddisfare. "Azione" è quando la finalità o la destinazione esistono in senso fisico, ma non in senso psicologico. L'esperienza è fine a se stessa: nasce da uno stato interiore di gioia e libertà. Il Risvegliato, pur lavorando, è libero dalla tirannia del lavoro.

Noi invitiamo tutti ad aiutarci nella missione e nell'obiettivo del 2012